storia

II media - Unità 7 XVI/XVIII- Le Guerre di religione e lo Stato assoluto in Francia

La Guerra di religione e la nascita della dinastia dei Borbone di Francia

I cento anni che vanno dal 1555 al 1650 furono caratterizzati da peste e carestie e dalle Guerre di religione che travolsero quasi l'intera Europa.

In Francia la guerra scoppio tra la minoranza ugonotta (i calvinisti francesi) e la maggioranza cattolica di cui faceva parte anche la famiglia reale dei Valois. La scintilla che innescò il conflitto fu accesa nel 1559 dal capo della fazione cattolica, il duca di Guisa, che attaccò i seguaci del principe di Borbone, capo della fazione ugonotta. Il conflitto fu particolarmente violento e toccò il suo culmine durante la notte di San Bartolomeo, nel 1572, quando furono trucidati oltre 10000 ugonotti.

Quando la dinastia dei Valois si estinse, i cattolici accettarono che l'ugonotto Enrico di Borbone diventasse re, purché prima si convertisse al cattolicesimo. La pace fu sanzionata nel 1598 con l'Editto di Nantes che riconosceva agli ugonotti libertà di culto, uguaglianza e diritto di tenere guarnigioni in 100 città.

Luigi XIII e la guerra dei Trent'anni

Luigi XIII, che ricevette il trono a 9 anni, affidò la conduzione dello stato al cardinale Richelieu. Questi, intenzionato ad incrementare i poteri del re, annientò la potenza militare degli ugonotti, limitò il potere degli aristocratici, partecipò all'ultima fase della Guerra dei trent'anni (1618-1648) che mise in ginocchio la Germania.

Luigi XIV e la nascita dello Stato assoluto

A Luigi XIII nel 1643 successe,  ancora bambino, Luigi IV, la cui madre affidò la conduzione dello stato al cardinale Mazzarino. Alla sua morte il re prese in mano la guida della Francia e privò la nobiltà di tutti i poteri politici, eliminò gli ugonotti e ritirò l'editto di Nantes.

Luigi XIV inoltre si procurò le fonti di denaro necessarie per governare senza convocare gli Stati Generali, vendette alla borghesia le cariche pubbliche creando la "nobiltò di toga" e intensificò la fondazione di colonie in America.

In pochi anni Luigi XIV (che si fece chiamare "Re Sole") perfezionò lo Stato assoluto, all'interno del quale la parola del re è legge.

La Guerra di successione spagnola rovina la Francia

Luigi XIV, forte di un possente esercito, scatenò anche una guerra per la successione spagnola. Infatti nel 1684, pretese che il trono di Spagna, rimasto senza eredi dopo la morte dell'ultimo Asburgo di Spagna, passasse a un suo nipote invece che ai legittimi eredi, gli Asburgo d'Austria. Questa guerra, passata alla storia con il nome di Guerra di successione spagnola, finì nel 1713 con la sconfitta di Luigi, ma suo nipote ottenne ugualmente il trono diventando il capostipite dei Borbone di Spagna. La guerra prosciugò le casse dello Stato e quando nel 1715 Luigi XIV morì, fu maledetto dal suo popolo.


Materiali e risorse varie

 


Esercizi online

[B7] Esercizio - Dalle Guerre di religione in Francia a Luigi XIV [collocare nel tempo] (5 domande a risposta multipla) (difficoltà media)

 




Vai alla versione stampabile di questo documento


 

Esercizi online

[B7] Esercizio - Dalle Guerre di religione in Francia a Luigi XIV [collocare nel tempo] (5 domande a risposta multipla) (difficoltà media)

LINK UTILI
[1]Mappe storiche - Università Texas
[2]Impero Bizantino
[3]Come si leggono le date
VIDEO UTILI
[1] Treccani Scuola - Storia
[2] Storia Medievale (Uninettuno)