Unità 4 - Il tempo atmosferico, il clima e gli ambienti


 

Tempo atmosferico e clima

Quando chiediamo com'è il tempo vogliamo sapere se fa caldo, se c'è il sole, se piove o nevica. Stiamo chiedendo informazioni sul tempo meteorologico (detto anche tempo atmosferico). Spesso si confonde il tempo (meteorologico) con il clima ma, come vedremo si tratta di due parole che in realtà hanno significati molto diversi.

Il tempo meteorologico (o atmosferico) è l'insieme di tutti i fenomeni metereologici [IMG] che avvengono nell'atmosfera in un determinato momento in un certo luogo.

Il clima invece è l'insieme delle condizioni metereologiche di una zona osservata nel corso di minimo 30 anni.

I fenomeni che modificano il tempo avvengono nell'atmosfera (l'involucro gassoso che circonda la Terra): per questa ragione sono chiamati fenomeni atmosferici.

 

Gli elementi del clima [IMG]

Se vogliamo descrivere il clima, dobbiamo considerare varie caratteristica dette elementi del clima come:

L'aria che avvolge il nostro pianeta non viene riscaldata direttamente dal Sole, ma dalle radiazioni solari che terra e mare ricevono e poi riflettono. Nello stesso giorno quindi l'aria può essere più o meno calda. La temperatura dell'aria si misura con il termometro. La temperatura media di una giornata si ottiene facendo la media della temperatura minima (misurata alle 6 di mattina) e della temperatura massima (misurata alle 2 del pomeriggio).  La differenza tra queste due temperature è chiamata escursione termica diurna. La differenza tra la temperatura media del mese più caldo (luglio) e la temperatura media del mese più freddo (gennaio) è chiamata escursione termica annua. L'incontro tra masse d'aria di temperatura diversa provoca i vari fenomeni atmosferici.

L'umidità è data dalla quantità di vapore acqueo contenuta nell'aria. Quando il vapore acqueo sale verso l'alto si raffredda e si condensa  concentrandosi in piccole goccioline che formano le nuvole.

Anche se non ce ne accorgiamo l'aria ha un peso. Il peso esercitato sulla superficie terrestre è chiamato pressione e si misura con il barometro [IMG]. La pressione è massima in pianura e diminuisce salendo di altitudine. Le masse d'aria tendono a spostarsi dalle zone di alta pressione a quelle di bassa pressione. Questi spostamenti d'aria generano venti. Maggiore e la differenza di pressione tra due aree, maggiore la velocità del vento. [IMG]

 

Da che cosa dipende il clima

Se invece vogliamo capire da cosa dipende il clima e da che cosa è causato dobbiamo tener presente i I fattori del clima che sono:

Perché la latitudine, cioè la distanza di un posto dall'Equatore, è così importante per il clima (e qundi anche per il tempo atmosferico)? Perché a seconda della latitudine i raggi del sole colpiscono il suolo con un'inclinazione diversa [IMG] e quindi con un'intensità diversa. All'Equatore i raggi del Sole arrivano in maniera perpendicolare e sono quindi più intensi e causano un innalzamento della temperatura.

Un altro elemento che condiziona il clima è il mare. Infatti l'acqua del mare si riscalda e si raffredda molto più lentamente della terra. In questo modo quando l'aria sulla terra è molto calda il mare rilascia aria più fresca; quando l'aria sulla terra è molto fredda il mare rilascia lentamente il calore accumulato [IMG].

Anche l'altitudine condiziona il clima. Questo è dovuto a diversi fattori tra cui il fatto che diminuendo la pressione atmosferica fa più freddo e sono più frequenti le precipitazioni. In genere la temperatura diminuisce di 6 °C ogni 1.000 metri.

 

APPROFONDIMENTO>> Perché in montagna fa più freddo, anche se si è più vicini al Sole? approfondimento 1  focus.it sapere.it

 

APPROFONDIMENTO>> Un articolo didattico su due capisaldi della Meteorologia: l'alta e la bassa pressione, che davvero, giocando con le parole, "fanno il bello e il cattivo tempo".... approfondimento 1

 

 

CURIOSITA' >> Il sole di mezzanotte è un fenomeno astronomico che si verifica nelle regioni polari, relativo alla posizione del Sole sull'orizzonte, quando rimane sopra di esso per periodi che vanno da almeno 24 ore (presso latitudini vicine a quelle dei circoli polari) a 6 mesi (presso i poli geografici). [IMG] [VIDEO]

Le fasce climatiche della Terra [IMG]

Come è noto, la latitudine è la distanza, espressa in gradi, di un punto della terra dall’Equatore: più un luogo è vicino all'Equatore, più i raggi del sole arrivano perpendicolarmente e portano maggiore calore.  In base a questo fattore si possono determinare delle zone della Terra nelle quali il clima presenta caratteristiche simili chiamate fasce climatiche.

Si possonono distinguere 5 fasce climatiche:

Il rapporto tra Europa e Corrente del Golto

Prima di esaminare le fasce climatiche europee bisogna ricordare l'importanza rivestita dalla Corrente del Golfo. Questa infatti è larga fino a 10km e scorrendo sposta masse di acqua calda dal Golfo del Messico al Nord dell'Europa. La quantità di calore rilasciata è notevole e fa sì che Paesi quali l'Islanda, l'Irlanda, la Gran Bretagna e la Penisola Scandinava godano di temperature medie di circa 15° C più alte rispetto a quelle del Canada, sull'altro lato dell'Atlantico,  che pure presenta la stessa Latitudine.

Le quattro fasce climatiche europee [IMG]

Come già sappiamo l’Europa è situata nella fascia temperata boreale, ma ciò non significa che il clima europeo sia tutto uguale. Infatti abbiamo ben 4 regioni climatiche diverse fra loro:

Che rapporto c'è tra climi e ambienti? [MAPPA CONCETTUALE]

DEFINIZIONE>>> L'ambiente è un sistema complesso di fattori fisici, chimici e biologici, di elementi viventi e non viventi e di relazioni in cui sono immersi tutti gli organismi che abitano il Pianeta. L'insieme degli ambienti della Terra costituisce la biosfera. [Fonte: www.treccani.it]

Il clima condiziona molto gli ambienti. Ad esempio il clima umido favorisce una vegetazione fitta e rigogliosa; in una regione dove il terreno è ghiacciato, non crescono nè prati nè alberi

La tundra [IMG]

La tundra si trova nella parte più a nord dell'Europa. Sono caratterizzate da questo tipo di ambiente Islanda, la parte nord della Scandinavia e la Groenlandia. Si tratta di regioni della Terra caratterizzate da inverni molto lunghi con temperature spesso ald i sotto dello zero. A causa delle abbondanti nevicate, il terreno rimane gelato per gran parte dell'anno. D'estate la neve si scioglie ma, nel sottosuolo, a poca profondità, rimane ghiacciato formando il permafrost.

Nella tundra crescono muschi, licheni e piccoli alberelli come il rododendro e il mirtillo. La fauna è caratterizzata da animali quali la renna, il bue muschiato [IMG], la volpe artica e il lemming.

 

La taiga [IMG]

La taiga è una foresta di conifere (chiamate anche aghiformi, perché hanno le foglie a forma di ago) che si trova nella fascia subartica dell'emisfero boreale dove il clima è freddo, con inverni lunghi e ricchi di nevicate ed estati brevi e piovose. La taiga è presente anche sulle catene montuose europee più alte. Nella taiga crescono soprattutto pini abeti [IMG] e larici [IMG] e vivono animali quali cervi, volpi, orsi, e lupi.

La foresta temperata [IMG]

La foresta temperata è diffusa in tutta l'Europa centrale. E' caratterizzata da latifoglie, cioè da piante dalle foglie larghe e piatte. Gli animali più comuni sono daini, scoiattoli, tassi, lupi, volpi e cervi mentre tra le piante spiccano le querce, le sequoie, i faggi, i castagni, i noccioli i pioppi e gli aceri.

Purtroppo l'uomo ha spesso distrutto questo ambiente per far spazio a campi e città. Il clima dove è più facile trovare la foresta temperata è quello di tipo continentale.

La brughiera [IMG]

La brughiera è tipica delle areee dell'Europa affacciate sull'Oceano Atlantico. E' costituita da una distesa di erbe basse e arbusti. Il clima è caratterizzato da piogge e vento per tutto l'anno. Le piante tipiche sono l'erica, il ginepro, la ginestra [IMG] e il mirtillo; gli animali tipici sono il merlo, l'allodola, il falco, il cervo e la volpe.

La prateria [IMG]

La prateria è un tipo di ambiente presente tra le fasce tropicali e quelle dal clima più temperato. Diffusa in Europa solo in Ungheria è presente nel resto del mondo nella parte centrale dell'America del Nord, in Mongolia e nell'Australia sud-occidentale. Si tratta di un ambiente ricoperto da erbe basse con poche piante il cui clima è caratterizzato da piogge abbondanti concentrate in un breve periodo dell'anno seguite da un lungo periodo di siccità. Gli animali tipici delle praterie sono il bisonte, l'aquila, il falco, il cavallo e il coyote. Oggi le praterie sono poco estese perché utilizzate dall'uomo per l'agricoltura e l'allevamento.

La macchia mediterranea [IMG]

La macchia mediterranea si sviluppa in zone secche prossime al Mar Mediterraneo ma si ritrova nel mondo anche in zone con condizioni climatiche simili come la California e il Sudafrica. E' formata da pochi alberi sempreverdi e da un fitto sottobosco di arbusti. Il clima di questa zona è caratterizzato da estati calde e asciutte e inverni miti e piovosi.

Gli alberi tipici sono il pino marittimo [IMG], il cipresso [IMG], il leccio [IMG] (il più rappresentativo della macchia mediterranea) e la quercia da sughero [IMG] accomunate dal fatto di essere sempreverdi; a queste poi si aggiungono l'oleandro [IMG], l'eucalipto [IMG], l'agave [IMG] , la palma nana [IMG] e tantissimi tipi di arbusti e piante aromatiche come la ginestra, il ginepro [IMG], il mirto [IMG], il corbezzolo [IMG], la lavanda [IMG], la salvia [IMG], l'alloro [IMG], e il rosmarino [IMG]. Va inoltre aggiunto che fin dall'antichità, grazie al clima favorevole in questa zono sono stati coltivati vini e ulivi. Gli animali tipici di questa zono sono il cinghiale, il cervo, il daino, il capriolo, il lupo, la lince, l'orso, l'aquila e il falco pellegrino, il coniglio selvatico, l'upopa e il cuculo.

Le aree climatiche italiane [IMG]

L'Italia è caratterizzata da climi anche molto diversi tra loro: ciò è dovuto soprattutto al fatto che si estende soprattutto in senso latitudinale. Il clima italiano è inoltre fortemente condizionato dalla presenza delle Alpi che bloccano i venti freddi provenienti dal nord e soprattutto dall'influenza del Mar Mediterraneo che garantisce, quasi per tutto l'anno, un clima molto mite.

In base a quanto detto in Italia si possono distinguere sei aree climatiche differenti:

L'area alpina è caratterizzata da inverni lunghi e freddi ricchi di abbondanti nevicate ed estati brevi e fresche.

L'area padana è caratterizzata da un clima continenatale con estate calde e afose e inverni freddi connotati spesso dalla nebbia.

L'area appenninica presenta una forte escursione termica annuale con precipitazioni abbondanti in autunno e in inverno.

L'area adriatica presenta caratteristiche molto simili all'area mediterranea ma è maggiormente condizionata dai venti freddi provenienti dalla Russia

L'area tirrenica, sfrutta la protezione offerta dagli Appennini e ha un clima mediterraneo con inverni miti e piovosi.

L'area mediterranea al Sud e nelle isole, ha inverni tiepidi e piovosi ed estati calde e secche con frequenti periodi di siccità.


www.123scuola.com