Geografia

II media - Unità 7 - La Regione Centro-orientale: Polonia, Repubblica Ceca, Slovacchia, Ungheria e Romania

La Regione Centro-orientale [PDF auladigitale.rizzoli] [carte varie]

La Regione Centro-orientale si estende dal Mar Baltico al Mar Nero e comprende cinque Stati: Polonia, Repubblica Ceca, Slovacchia, Ungheria e Romania.

E' caratterizzata da un territorio molto vario che comprende una grande area pianeggiante a nord corrispondente, grosso modo, alla Polonia e una parte centro-meridionale in cui sono presenti la Pianura della Valacchia e la Pianura Ungherese (una steppa europea) e le catene montuose dei Sudeti, dei Carpazi e le Alpi Transilvaniche.

CURIOSITA'>> La Valacchia è la terra di Vlad III di Valacchia (1431 – 1477), meglio conosciuto solo come Vlad, o meglio ancora come Dracula [IMG], membro dell'Ordine del Drago, fondato per proteggere il cristianesimo nell'Europa orientale.

L'area è interessata dal Danubbio [IMG] [IMG] che attraversa tre stati e passa per due capitali.

Questa zona è spesso indicata con il nome di Mitteleuropa, parola che significa letteralmente "Europa di mezzo". Si tratta di una vasta area al confine tra l'Occidente tedesco e latino e l'Oriente russo i cui popoli, pur molto diversi tra di loro sono consapevoli di avere un'identità distinta tanto dai popoli occidentali, quanto da quelli orientali.

1. La Polonia [carta] [carte]

Bandiera Superficie Popolazione Capitale  
312.000 km² 38.000.000 Varsavia  

.....

1.1 Polonia: territorio e clima

La Polonia è uno stato con una superficie di circa 312.000 kmq che si affaccia a nord sul Mar Baltico e confina ad est con la Russia, Lituania, Biellorussia, e Ucraina, a sud con Slovacchia e Repubblica Ceca e a ovest con la Germania.

Il territorio è in prevalenza pianeggiante, e nella estrama propaggine meridionale è occupato dalle catene montuose dei Sudeti  e dei Carpazi Occidentali. I fiumi più importanti sono la Vistola ( 1047km) e l’ Oder (912km), che segna il confine con la Germania. Le coste sul Mar Baltico sono basse. Una delle zone più caratteristiche del Paese è la zona della Masuria,  a nord-est, caratterizzata da foresete e oltre 200 laghi.

Il clima è di tipo continentale, con temperature che diminuiscono spostandosi verso l’interno del Paese.

1.2 Polonia: popolazione ed economia

La popolazione è di 38 milioni e mezzo di abitanti di cui il 60% vive nelle aree urbane, in particolare nella zona della capitale, Varsavia (circa 1,7 milioni di abitanti), e nell’area industriale a sud del paese. La Polonia è interessata da una forte emigrazione che insieme alla bassa fertilità porta la popolazione a diminuire continuamente. La lingua ufficiale è il polacco, una lingua slava che si scrive con l'alfabeto latino. Fino al 1941, circa il 15% della popolazione era formata da persone di religione ebraica ma durante la Seconda guerra mondiale questi furono perseguitati e sterminati. [IMG] [IMG]. Tra le città più importanti ricordiamo Cracovia (759 mila abitanti circa), l’antica capitale, e Danzica.

 

APPROFONDIMENTO>>  3 ottobre 1944: la caduta di Varsavia

 

L’agricoltura non è molto meccanizzata, ma grazie all'estensione dei terreni coltivati, si ottengono produzioni rilevanti (cereali, patate, barbabietole da zucchero, lino). L’allevamento ha un ruolo importante. Il sottosuolo è ricco di carbone che alimenta centrali elettriche, creando un diffuso inquinamento.

Nel settore secondario (30,5%) spiccano le industrie tessili, metallurgiche, meccaniche, alimentari e i cantieri navali.

Il settore terziario (57,5%) è in grande crescita anche grazie all'aumento del turismo.

2. Rep. Ceca

Bandiera Superficie Popolazione Capitale  
79.000 km² 10.500.000 Praga  

2.1 Rep. Ceca: territorio e clima

La Repubblica Ceca ha una superficie di quasi 79 mila kmq e non ha sbocchi sul mare.  È nata nel 1993 dalla separazione dalla Slovacchia ed è formata da due regioni: la Boemia a ovest e la Moravia ad est. La Boemia è un altopiano circondato da catene montuose poco elevate (Selva Boema, Monti Metalliferi, Sudeti, Alture di Moravia); la Moravia, in prevalenza pianeggiante, è delimitata a est dai Carpazi Bianchi. I fiumi principali sono due: Moldava (430 km) e Morava (358 km).

L’Elba nasce nella Repubblica Ceca, ma vi scorre solo per una parte del suo corso. Numerosi sono i laghi. Il clima è continentale.

2.2. Rep. Ceca: popolazione ed economia

La popolazione è di circa 10,5 milioni di abitanti che vivono perlopiù nelle aree urbane, soprattutto intorno alla capitale Praga (1,3 milioni di ab.), città di grande importanza storica, artistica, politica ed economica.

L’economia è in crescita.

Nel settore primario (3,2% degli occupati) sono sviluppati l’agricoltura, l’allevamento e lo sfruttamento del legname. Si estraggono carbone, lignite, gas naturale.

Nel secondario (36,2%) sono presenti stabilimenti siderurgici, metallurgici meccanici, per la produzione di carta e di mobili. Attive anche le industrie chimiche e in crescita quelle elettroniche. Sono famose le produzione artigianali del vetro, della porcellana e degli strumenti musicali.

Nel terziario (60,6%) sono in crescita il commercio e il turismo.

3. Slovacchia

Bandiera Superficie Popolazione Capitale  
49.000 km² 5.400.000 Bratislava  

3.1 Slovacchia: territorio e clima

La Slovacchia (49 mila km circa di superficie) ha un territorio prevalentemente montuoso e non ha sbocchi sul mare. Il territorio è prevalentemente montuoso, dominato dalla catena dei Carpazi Occidentali , che si dividono in Carpazi Bianchi a ovest; Beschidi e Alti Tatra a nord; Bassi Tatra al centro, che hanno a sud i Monti Metalliferi Slovacchi.

A sud-ovest del paese si estende l’area pianeggiante del bacino del Danubio, dove scorrono il Vàh (430km) e il Hron (289 km) entrambi affluenti del Danubbio.  Numerosi i laghi.

Il clima è continentale con inverni rigidi ed estati piovose

3.2 Slovacchia popolazione ed economia

La popolazione (5,4 milioni di abitanti circa) vive per la metà in campagna. La città più popolosa è la capitale Bratislava (417 mila ab.) La seconda città è Kosice (238 mila ab.).

L’economia ha avuto una forte crescita dopo la separazione nel 1993 dalla Repubblica Ceca e oggi è tra le più avanzate dell’Europa orientale, anche se la disoccupazione rimane alta.

Nel settore primario (3,2% degli occupati), l’agricoltura è praticata soprattutto nel bacino del Danubio (cereali, patate, barbabietole da zucchero). Importanti risorse sono l’allevamento di bovini e di suini e le attività forestali. Modesti i giacimenti minerari.

Nel secondario (31,2% degli occupati) sono presenti impianti siderurgici, meccanici, chimici, tessili, agroalimentari e della lavorazione della carta.

Il settore terziario impiega il 65,6% degli occupati e si concentra su commercio e turismo. Le reti stradali e ferroviaria sono in via di ammodernamento.

Ungheria [cartine] [cartina e info treccani] [enciclopedia britannica]

Bandiera Superficie Popolazione Capitale  
93.000 km² 9.000.000 Budapest  

Ungheria territorio e clima

L’Ungheria (93 mila km²) è grande poco meno di un terzo dell'Italia. Confina a nord con la Slovacchia a est con Ucraina e Romania a sud con la Croazia e a ovest con Slovenia e Austria. Il Paese è caratterizzato dal Danubio che lo attraversa per 417 km dividendolo in due parti. Quella a est, si divide a sua volta in Alföld e Felföld. La zona dell'Alfold è interamente pianeggiante e occupa più della metà del Paese. Qui si estende la Puszta, cioè la Pianura Ungherese (l'unica steppa europea) e vi scorre il Tibisco, un importante affluente del Danubio. Nell’area nord-est del Paese si trova una zona montuosa chiamata Felföld, cioè terre alte, caratterizzata dai massici dei Monti Màtra e Buuk.

La parte a ovest del Danubio è chiamata Transdanubio: è prevalentemente pianeggiante e paludosa, ma sono presenti anche i sistemi collinari Pannonia e i bassi rilievi della Selva Baconia.

Ungheria: popolazione ed economia

La popolazione (circa 10 milioni di abitanti) è in calo. È composta da Ungheresi, chiamati anche Magiari, che parlano una lingua, l'ungherese, di origine ugro-finnica.

Nel primario predominano le coltivazioni di cereali, soprattutto mais e grano, che occupano il 70% del territorio coltivato. Sono presenti anche coltivazioni di viti, tabacco, piante oleifere (girasole, soia e colza). L'allevamento bovino ed equino è perlopiù allo stato brado. Le principali industrie del Paese operano nei settori meccanico, tessile, chimico e automobilistico.

 

CURIOSITA'>> Le lingue più parlate dalla popolazione europea derivano dall'indoeuropeo e sono le lingue latine (o romanze), slave e germaniche. Le lingue ugro-finniche sono molto parlate in Europa ma non appartengono al gruppo delle lingue indoeuropee.[IMG]

 

Romania [cartina google] [cartine] [carta e info Treccani] [enciclopedia britannica]

Bandiera Superficie Popolazione Capitale  
238.000 km² 21.000.000 Bucarest  

Romania: territorio e clima

La Romania (circa 238.000 km²) si affaccia sul Mar Nero. Il territorio è dominato dai Monti Carpazi Orientali e Meridionali cui appartengono anche le Alpi Transilvaniche e, nella parte centrale,  dalla Transilvania, un vasto altopiano centrale con un altezza media tra i 300 e i 500 m. Per quanto riguarda le aree pianeggianti a sud si trova la Valacchia, la pianura più estesa, caratterizzata dal corso del Danubio mentre a est si trova la Dobrugia. La Romania è ricca di laghi, alcuni alimentati da sorgenti termali. Le coste sono basse e sabbiose. Il clima è continentale. Il Paese ha un elevato rischio sismico.

Romania: popolazone ed economia

La popolazione (circa 21 milioni di abitanti) si concentra per poco più della metà nelle città: l'area più popolata è quella intorno alla capitale Bucarest (1,9 milioni ab.) e nelle aree pianeggianti. L'etnia principale è quella romena ma è presente anche l'importante minoranza ungherese, dominante nella zona della Transilvania. Fortissima l'emigrazione, soprattutto verso l'Italia. La lingua ufficiale è il rumeno, unica lingua di origine neolatina, presente nei Paesi dell'Est europeo.

L'economia romena ha due grandi punti di forza: grandi risorse naturali costituite da foreste e pianure fertilizzime, e ottimi rapporti industriali con Italia e Germania che producono qui per esportare poi in tutto il mondo. Il settore primario impiega circa il 30% degli occupati. L'allevamento è una risorsa importante. Ci sono giacimenti di petrolio e gas naturale. Il settore secondario (28,8%) si basa sull'industra siderurgica, meccanica, chimica, alimentare, dell'abbigliamento. Il terziario (41,2%) è in espansione soprattutto grazie al turismo.

Collegamenti: Castello di Dracula   Castello di Bran vs Castello di Poenari


Materiali e risorse varie

Mappa concettuale - i fiumi   Mappa concettuale - Polonia

 

Mappa concettuale - i fiumi   Mappa concettuale - Polonia

Esercizi online





Vai alla versione stampabile di questo documento


 

Esercizi online

[B7] Polonia: popolazione ed economia (completamento - 10 parole)

[B7] Unghera (completamento - 10 parole)

LINK UTILI
[1] Tutto sui fusi orari
[2] Mappa vuota per GLI STATI da riempire di contenuti
[3] Urbistat Italia
[4] Mapsland
[5] Lezioni adattate I anno
[5] Lezioni II anno
Giochi
Gioco bandiere-stati
Video
Video sull'Italia
Carte speciali - Reali dimensioni
True size
STRUMENTI UTILI

[1]Planisfero politico (4450 x 2887)
[2]Planisfero politico (3823 x 1944)
[3] Fasce climatiche del pianeta
[4]Carta geografica Europa fisica
[5]Carta Europa muta
[6]Carta Europa politica
[7]Cartina Italia fisica (3702 x 2752)
[8]Cartina Italia fisica (1572 x 1972)
[9]Carta fisica Italia (muta) (1298x1600)
[10]Cartina Italia politica - Regioni, città (1039 x 1430)
[11]Carta muta Italia (1576 × 1776)
[12]Carta Italia solo regioni(400 × 454)
[13]Carta Puglia